Pubblicato dal Presidente D’Alfonso il decreto di proclamazione del risultato del referendum

Pensavamo che all’adempimento formale avesse provveduto l’ex Presidente Chiodi, nella immediatezza del risultato elettorale.
Abbiamo invece rilevato che il risultato del Referendum che ha dato il via libera al processo di fusione di Pescara, Montesilvano e Spoltore è stato proclamato dal neo eletto Presidente D’Alfonso, con il decreto n. 34 dell’8.7.2014 (consultabile sul sito della Regione).
La circostanza non è priva di conseguenze.
L’art. 30, comma 2 della L.R. 44/07 fa decorrere proprio dalla proclamazione del risultato del referendum il termine di 60 giorni concesso al Presidente della Regione per la presentazione al Consiglio Regionale del progetto di legge sull’oggetto del quesito sottoposto a referendum.
Dunque, il Presidente D’Alfonso avrà a disposizione la seconda metà di luglio, l’intero mese di agosto e parte di settembre 2014 per preparare al meglio il progetto di legge.
In verità, lo slittamento dei tempi mi era sembrato quasi necessario, in considerazione del ritardo con il quale si è insediato il nuovo Consiglio Regionale e si sono istituite le Commissioni consiliari che dovranno occuparsi del progetto di legge.
Possiamo, quindi, rassicurare i tanti cittadini che ci scrivono o ci contattano per essere informati sull’andamento del procedimento, in quanto la tabella di marcia, definita in primo luogo dalla legge, continua ad essere rispettata.

 

Clicca qui per scaricare l’atto

Lascia un commento


Regole per commentare gli articoli

I tuoi messaggi non saranno censurati in pubblicazione.
Ma questo è uno spazio virtuale pubblico, e quindi devo specificare alcune regole obbligatorie a cui devi attenerti.
 
Non sono consentiti:

  1. messaggi inviati privi di indirizzo email valido
  2. messaggi anonimi (o utilizzare più nickname)
  3. messaggi pubblicitari
  4. messaggi con linguaggio offensivo
  5. messaggi che contengono turpiloquio
  6. messaggi con contenuto razzista o sessista
  7. messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

*