Impossibile fermare il corso della storia

Nel 1898 i cittadini votarono per far si che Brooklyn si unisse con Queens, Manhattan e Bronx per formare la Città di New York. I giornali dell’epoca definirono il giorno della fusione come “il grande errore del 1898”. Poi la storia ha fatto il suo corso.

E la storia, fatte le debite proporzioni, si ripete sempre.

Non perché si ripetono i fatti storici, ma perché gli uomini sono sempre uguali a se stessi (Vico).

I cittadini di Pescara, Montesilvano e Spoltore – nonostante l’avversione di gran parte del “ceto politico”, incapace di articolarne le ragioni e, dunque, impegnato nel solo tentativo di oscurare l’appuntamento del prossimo 25 maggio – voteranno in massa per il “Sì”. Con la storia che darà di nuovo ragione ai cittadini. Esattamente come nel 1898.

Lascia un commento


Regole per commentare gli articoli

I tuoi messaggi non saranno censurati in pubblicazione.
Ma questo è uno spazio virtuale pubblico, e quindi devo specificare alcune regole obbligatorie a cui devi attenerti.
 
Non sono consentiti:

  1. messaggi inviati privi di indirizzo email valido
  2. messaggi anonimi (o utilizzare più nickname)
  3. messaggi pubblicitari
  4. messaggi con linguaggio offensivo
  5. messaggi che contengono turpiloquio
  6. messaggi con contenuto razzista o sessista
  7. messaggi il cui contenuto costituisce una violazione delle leggi italiane (istigazione a delinquere o alla violenza, diffamazione, ecc.)

*